Fissarci
immobili
come animali sorpresi da luce,
poi lo stesso guizzo di urgenza negli occhi
e il nastro di noi che riprende vorace e veloce

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: