Ci vorrà del tempo, ma anche dal dolore che più ci ha schiantato si rinascerà, prima o poi.
In un sorriso, un’emozione improvvisa o in un battito di ciglia di curiosità.
E ogni volta che si rinasce si è sempre più belli.

Comunque se mi dai il bastone e non la carota io non mi lamento.

È eccitante farsi bella per un uomo.
Ma quanto è più esaltante sentirsi più bella quando ti specchi negli occhi di lui.

Chi qui ci racconta di amore e di gioia forse inventa o forse no. Non lo sapremo mai.
Ma chi passa il tempo ad attaccare chi qui si racconta felice di certo ha una vita di merda, amici.

Il vero addio non si verbalizza.
Poi si potrà pure continuare a vedere quella persona, ma la si sentirà estranea e distante, ché l’addio da cui non si torna indietro lo si dice nel cuore.

Sono straordinari gli uomini che sanno scopare la mente di una donna.
Ma non perdiamo mai di vista quelli che ti mettono a pecora e che ti sbattono fino a farci dimenticare come ci chiamiamo, amiche.

Persino i momenti di sconforto oggi hanno in qualche modo Luce.
Perché ci sei tu con me, a tenermi la mano.

Comunque se mi capita di incontrare un bel nero, io non sto lì ad aspettare che accada un aneddoto antirazzista per poi venirvelo a raccontare qui.
Io me lo porto a casa, me lo scopo e bon, amici.

E poi ricevi dal tuo giovane amante una bellissima lettera d’amore che non contiene parole, perché è un bellissimo regalo per tuo figlio.

Dovevi essere solo la piccante trasgressione di una notte.
E invece sono anni che mi nutri d’amore e passione e mi colori la vita.

Non è l’età che ci preserva dagli errori: ci si può sbagliare sempre, da giovani e da vecchi.
I vecchi si sbagliano solo da più tempo.

Per le vacanze non scegliete di andare dalla parte della ragione, che è sempre affollatissima.

Sono stata tanto fortunata nella vita.
Ecco perché non spreco il mio tempo a nutrire astio e rancore, ma la ringrazio amando più che posso.

È in certi “Avevi ragione, mamma” che comprendi che dare il tuo parere ma lasciarli liberi di sbagliare è spesso il modo migliore.

Nessun “Coraggio ce la farai” degli altri è potente quanto l’atto d’amore di un abbraccio commosso a sé stessi e alle proprie “cadute”.

Quando mi chiedono “Quante lingue conosci?” non riesco ad evitare quell’attimo di silenzio in cui sorrido.

Eh sì. Forse sarà fuori moda e anacronistico, ma io sono una donna che arrossisce ancora.
È più forte di me: le gote mi diventano rosse e divento accaldata come se avessi la febbre per la voglia di cazzo che mi raddoppia quelle sere in cui Andrea porta un amico.

È bello avere gli stessi gusti in fatto di cibo col proprio amante.
Ma anche nello scegliere la bionda da portarci a letto stasera non scherza, amici.

Tenetevi strette le persone sensibili.
Ma prima quelle che vi trombano bene.

Dite che i tuit di sesso scritti da donne attraggano quelli che chiamate ‘morti di figa’, ma non è vero:
attraggono e amminchiano le galline, amici.

Quel rancore che alimentiamo e nutriamo desiderando ogni male per i nostri nemici, avvelena e divora soltanto noi.

Quando ami tanto il tuo giovane amante talvolta ti rammarichi di non essergli coetanea e dargli un figlio, ma poi ripensi a pannolini, pappine, pianti notturni.. che, niente, ti passa e sorridi felice pensando che stai sveglia la notte solo per scoparlo fino a dimenticarti il nome, amiche.

Blog su WordPress.com.

Su ↑