Meglio un porno oggi che una Cenerentola domani.
  

Featured post

In questi giorni pensavo che pubblicano libri cani e porci.
E allora mi son detta: “E che?!? Le porche no? Pure le porche devono pubblicare libri!!”

E niente.
Qui se c’è una porca, quella sono io.
E qui c’è Nuda, amici.

Featured post

Se sei minorenne maschio e degli adulti abusano di te e ti sfruttano sessualmente, allora tu sei la vittima e quegli adulti sono abusanti e pedofili.

Se invece sei minorenne femmina, l’abusante non se lo cagano e tu sei la “baby prostituta”.

RaiUno 2021

Macché luminarie, addobbi e lucine!
Io l’aria di Natale la sento per davvero solo quando ci si comincia a scannare per presepe sì / presepe no nella scuola materna dei figli, amici ❤️

Invece ne parlano tutti. E se scopri truffe vuol dire che si fanno i controlli.

Sono queste le parole d’odio.
Queste.
Quelle del potente che attacca l’unica risorsa che consente a chi è in difficoltà di sopravvivere e provare a rialzarsi, senza essere ricattabile e schiavizzato.

Caro diario,
io ogni volta spero che sia l’ultima goccia, quella benedetta che fa traboccare il vaso.
Quella che ci farà alzare la testa e riempire le piazze per riprenderci la Dignità.

Ma poi vado nel mondo, guardo la gente, leggo social e giornali e mi dico che sono un’illusa.

Ecco perché questo ometto (che ha fatto credere per anni di essere la “nuova sinistra”) parla di “reddito di criminalità” e auspica che “la gente deve tornare a soffrire e a spaccarsi la schiena”.

E chi ancora oggi lo appoggia è come lui.

Non è il numero di like che ti fa capire che una battuta su Renzi è ben riuscita, ma il numero dei commenti stizziti dei renziani, amici.

Se sei un renziano della prima ora, è colpa di Renzi.
Ma se ancora oggi sei renziano, è colpa tua.

Anna Proverbio Arabo Salvaje

Non incazzatevi se all’estero vi dicono “Mafia, Pizza e Mandolino”

Forse pizza e musica non vi piacciono, ma la tendenza a costituire mafie e mafiette in ogni ambito (politica, gallerie e critici d’arte, giornalisti, sanità, case editrici, magistratura..) l’italiano l’ha nel sangue.

Se non ti vesti in maniera provocante, se non bevi e se non esci da sola la notte, forse eviti che uno stupratore possa stuprarti.
Vero.
Ma solo perché lui probabilmente stuprerà un’altra.

Ché il problema è lui, lo stupratore, mica il buio, l’alcol o i vestiti, eh.

Non avrei mai pensato di arrivare a tanto, ma STO ANDANDO IN QUESTURA A DENUNCIARLO PER STALKING.
Continua a scrivermi, ANCHE CENTINAIA DI VOLTE AL GIORNO, a chiedermi di essere seguito e ritwittato.
Dannato Richard Gere e la sua ricerca di visibilità!

Anna Meloni Salvaje

Il fatto che si stia crocifiggendo Barbero per l’affermazione che le donne hanno meno successo al lavoro perché meno aggressive degli uomini, ma si taccia che l’intervista continuava con “Basterà educare una generazione di giovani consapevoli e la situazione cambierà”, la dice lunga sulla malafede di chi sta cavalcando ora la polemica, amici.

Fateci caso:
in una riunione di lavoro di 20 persone, 18 sono concordi nell’affermare una castroneria.
Solo 2 (un uomo e una donna) si rendono conto che è una castroneria.
Lei probabilmente esordirà con “Scusate, ma io credo che… forse…”
Lui invece con “Cazzate! Non è così!”

E il lui che esordisce con “Cazzate!” sarà guardato quasi certamente con rispetto, come un leader, un alfa dalla vista lunga.
Se esordisse lei a quel modo, oltre a suscitare irritazione, verrebbe vista come acida e arrogante.

Ah..e come una che non prende il cazzo, naturalmente.

Quanto sono romantici certi suoni insieme: creano una magia che è quasi poesia..

Il rumore della pioggia che picchetta sui vetri, lo scoppiettìo del fuoco acceso, di tanto in tanto il boato di un tuono e la testiera del letto che sbatte sul muro mentre mi scopi forte a pecora.

Non rinunciate mai ad assaporare la vita, non rimandate, ché il tempo passa e non torna più.

E un giorno finiremo per rimpiangere le rose che non abbiamo colto, i sorrisi che non abbiamo fatto, le albe che non abbiamo visto e i cazzi che non abbiamo preso, amiche.

Ogni giorno c’è un cretino o una cretina che ha spazio in TV
Mi chiedo se questi cretini siano diventati cretini dopo la tv, il successo, i soldi, la popolarità, o se fossero cretini già prima e per questo piazzati in TV.

Son domande che bisogna porsi eh

Anna Palombelli Salvaje

Il discorso della Palombelli, secondo cui le vittime di femminicidio potevano essere “esasperanti”, fa SCHIFO non solo perché sbagliato (responsabile di un omicidio è l’omicida, non la vittima), ma pure perché vigliacco:
infanga chi sta su un tavolo d’obitorio e non può più difendersi.

E conferma quel che penso da sempre a proposito della cultura del possesso: se non capisci il problema è perché sei parte del problema.

L’abito forse non farà il monaco, ma certamente non è il genere sessuale che fa le merde.
La merda la fa lo squadrismo, la vigliaccheria, il branco, la prepotenza, la violenza…
Come qua, 7 minorenni femmine:
piccole merde crescono.

È un dramma che non esista più la vergogna.
Ma non fraintendetemi, amici, il sesso non c’entra nulla.

Non esiste più la vergogna di essere merde.

Cosa facevate quel giorno?
Io me ricordo benissimo e sicuramente lo ricordate anche voi.
La notizia mi sembrava impossibile, ero sconvolta e incredula:
ERA SUCCESSO VERAMENTE!!!
Era il 27 maggio 2010 e 314 deputati votarono che Ruby per lo Stato italiano era la nipote di Mubarak.

A volte le parole non bastano.
E allora servono i colori.
E le forme.
E le note.
E le erezioni.

Anna Baricco Salvaje

Faccio un tuit “politico” e mi defollowano gli account “leggeri” mentre cominciano a seguirmi gli “impegnati”.
Ne faccio uno porno e tornano gli account leggeri ma se ne vanno quelli impegnati.

Troverò pace solo quando si capirà che pure la politica è porno.
E viceversa, amici.

Scopate, amici, che fra 18 mesi schiattiamo.

Anna Brigliadori Salvaje

Comunque la storiella che se ti spacchi la schiena divieni più forte e ti tempri ce l’han sempre raccontata quelli che la schiena volevano spaccartela loro.

Comunque va detto:
almeno Salvini per i social paga Morisi e lo votano in tanti (purtroppo).
Renzi non lo vota nessuno e il lavoro sui social lo fanno gratis i suoi fans.
Bah.

Quando commettete un errore che vi sembra enorme, siete rosi dai rimorsi e faticate a perdonarvi, pensate a chi sta peggio:
pensate a quelli che hanno pure speso 2 euro per votare Renzi alle primarie sognando una sinistra migliore, amici.

Blog su WordPress.com.

Su ↑