Quindi la Boldrini non ha smentito: ha licenziato in tronco una donna che chiedeva di lavorare in smart working per via del figlio malato e ha tardato mesi a pagare la colf licenziata dopo 8 anni perché non poteva lavorare pure il sabato.

Io direi che è pronta per Italia Viva.

I 15 anni non sono sempre uguali

  • Hai 15 anni, sei maschio e accoltelli una donna ==> NON SIATE DURI, È UN MINORE, DA MINORI “SI PUÒ SBAGLIARE”
  • Hai 15 anni, sei femmina e ti stuprano/fanno revenge porn ==> MA A 15 ANNI STAVA IN GIRO LA NOTTE DA SOLA?? MANDAVA GIA’ LE FOTINE??

E si prosegue coi genitori:

  • Hai un figlio minore che stupra/fa revenge porn ==> ti intervistano così dici quanto è un bravo ragazzo
  • Hai una figlia minore che è stata stuprata / ha subito revenge porn ==> ti mettono alla sbarra perchè DOVE CAZZO ERI MENTRE TUA FIGLIA STAVA IN GIRO O MANDAVA FOTINE??

E d’improvviso ti accorgi che certe ferite non si rimarginano mai del tutto.

E non sai se quel peso al cuore è l’antico dolore o la consapevolezza di non essere guariti.

Sei la dolcezza che non conoscevo

e che non sapevo di avere in me.

L’ostinazione della vetrina sotto casa mia,

che continua a mutare

come tutto fosse ancora normale.

Quindi uova di pasqua,

poi sole, gelati & estathé,

e poi facce di zucca che ride,

e pandori, lucine, che bello il Natale..

È già carnevale?

Compra un uovo che è già pasqua di nuovo.

Se un giorno doveste beccarmi a fare slut shaming, victim blaming o una qualsiasi cosa contro cui da anni mi scaglio e condanno, DOVETE sputarmi in faccia.

Ecco. Dovremmo farlo pure con chi della difesa dei diritti delle donne ha vestito il suo pupo, amici.

Anna Boldrini Salvaje

Dicono che con la separazione o il divorzio le donne ci guadagnino. Se è davvero così, allora evidentemente con il matrimonio ci perdono.

Pensiamoci, amiche.

“Ne usciremo migliori”, dicevamo.

Ecco! La seconda ondata e terza ondata sono arrivate perché il virus si è sentito preso per il culo, amici.

Mi ama davvero? L’amo davvero? Quante volte ci lasciamo ingannare dalla nostra stessa mente, quando basterebbe solo ascoltare il cuore e fidarsi.

Perché il cuore percepisce nitidamente ogni nota stonata.

Così come sente se è musica.

Quando state con un uomo che dice di amarvi, ma poi nei fatti è gretto, insensibile, gelido, è inutile credere che cambierà grazie al vostro amore. E’ come se voleste sciogliere un iceberg gettandogli un bicchiere d’acqua calda sopra: pure quella gelerà.

Non illudetevi, amiche.

C’è un’unica chiave che apre la cella di dolore dove qualcuno ci rinchiude. O dove a volte ci rinchiudiamo da soli.

Ed è l’amore e la stima per se stessi.

Non so. Fa freddo, vero. E sembra essere tornato l’inverno, ma io sento nell’aria lo stesso questa voglia primaverile di minchia.

Quello che sequestrava drogava, picchiava e stuprava le donne, assolto perché incapace d’intendere e volere, Siccome le drogava con sostanze ricavate dal corallo, lo chiamano GURU DEL CORALLO!

Come se chiamassimo MAGO DELL’ACIDO il mafioso che scioglieva nell’acido i bambini!

Schifo.

A furia di guardare in un uomo che non sia renziano, che non sia fascista, che non sia una capra… finirà che il cazzo glielo guarderò per ultimo.

Chi l’avrebbe mai detto, amiche.

Ieri ho scritto un tuit-battuta “La prima cosa che guardo in uomo è che non sia renziano”.

I renziani si sono così incazzati e ci sono rimasti così male che sono sinceramente dispiaciuta. Quindi prometto di non prenderli più in giro.

E se non ci credete lascio la politica!

La prima cosa che guardo in un uomo è che non sia renziano.

“Se passa, se finisce, non era vero amore”, dicono.
E perchè?
L’amore è qualcosa di vivo, e come tutto ciò che vive ha un suo ciclo fisiologico, di nascita, di vita e di morte.
Persino le stelle non sono immutabili e muoiono.

Il segreto per allontanare la fine è solo curare e nutrire.

Aprite le finestre al nuovo sole,
bambine belle, innamorate.
Aprite le finestre al nuovo sole,
è primavera, è primavera.
Aprite le finestre ma chiudete gambe e portone:
è Primavera l’ora del Lockdown.

Anna Franca Raimondi Salvaje

Un giorno racconterò ai miei nipotini che una volta esistevano i teatri.

Di certi cervelli è più intelligente il criceto che ci vive.

Peccato non essere nata maschio e così non sapere come DEVE comportarsi, pensare, essere, parlare.. una donna, amiche.

L’unica cosa positiva di questo 8 marzo con le zone rosse e gialle è che ci siamo risparmiati tutti i tuit tipo “è la festa della donna non la sagra della zoccola ihihih”.

La mia festa della donna preferita rimane sempre una gang bang, amici.

L’uomo non si festeggia una volta l’anno, ma tutti i giorni.
Perché l’uomo è un essere speciale che completa il mondo: va coccolato e curato come un fiore fragile e prezioso, perché è sposo, padre, fratello, amico, figlio..

Bon. Com’è sentirsi dire sta cagata, cari amici maschi?

Ma chiudono le scuole???

DANNATO CONTE!!!

Ah NO. Scusate.

Blog su WordPress.com.

Su ↑