È quando cadiamo che siamo davvero Vivi.
Ché si cade perché si corre senza guardare, quando seguiamo il cuore.

Il cielo non è sempre blu. A volte vengono nuvole a tingerlo di nero. E lunghi temporali.
A volte si cade e ci si sente soli e sperduti.
Ma quando ci si perde ci si ritrova sempre. Basta volerlo.
E nell’abbraccio di chi ci vuol bene ritrovarsi è facile.

E questo è quello che vorrei tatuare sui miei figli.

Le risposte che si danno in amore a volte possono essere diversamente interpretabili.
Solo il silenzio è chiaro e inequivocabile.
Ché l’amore urla e non sa stare muto.

Ama e mettici il cuore, sempre.
E non dimenticare mai che meriti di essere e di sentirti amata, di stare fra persone che ti vogliono bene. E che pure loro ci mettono il cuore.

Guardiamo sempre verso il sole, così le ombre ce le lasciamo dietro, amiche.

Un augurio a tutti gli amori insoliti, a quelle coppie “improbabili”, per differenza di età, stato, cultura…
Auguri di cuore non perché per loro sia più difficile amarsi, ma perché è a loro che la gente non gliela perdona. La felicità.

Di questa nostra distanza che non é lontananza né assenza, ma presenza continua, costante, potente.
E Desiderio più forte ed urgente.

Ci vorrà del tempo, ma anche dal dolore che più ci ha schiantato si rinascerà, prima o poi.
In un sorriso, un’emozione improvvisa o in un battito di ciglia di curiosità.
E ogni volta che si rinasce si è sempre più belli.

Persino i momenti di sconforto oggi hanno in qualche modo Luce.
Perché ci sei tu con me, a tenermi la mano.

Dovevi essere solo la piccante trasgressione di una notte.
E invece sono anni che mi nutri d’amore e passione e mi colori la vita.

Non è tanto la voglia di te, quanto voglia di noi,
del guardarti negli occhi e sentirmi guardata,
respirarti e scambiarci il respiro,
poi gustarti fino a “saperti” tutto,
col tuo odore che è già diventato ormai il mio.

Una vita a inseguire il mito di un’esistenza tranquilla, sicura e ordinata.
Solo per poi accorgerci che la vitalità è ritmo, sussulto, cambiamento.

Ci stordiamo d’amore, di baci, abbracci, passione.
Ma è quando i corpi smettono di parlarsi, in quel “dopo l’amore”, che si coglie e si sente l’amore.

Di quella emozione forte e potente che nasce e che in qualche modo, anche dopo, resta sempre nel cuore e non se ne andrà.
E basterà un suono, un odore, una voce.. per sentirla di nuovo: perché é viva e vive di vita.
Come un bimbo che nasce.

Di quei risvegli gioiosi e emozionati, ché casa in cui mi sveglio è casa nostra.

Di quei tornando a casa
gioiosa e un po’ spossata
e la consapevolezza d’esser tanto amata.

Può amare solo chi ha già l’amore dentro.
Non gli aridi, non gli egoisti, non i freddi.
Loro non amano mai e nemmeno saranno amati.
Potranno infatuarsi e di loro ci si infatua, certo, ma l’amore si nutre solo d’amore.

L’unico perdono che ci darà sollievo dobbiamo darcelo da soli, con un atto d’amore.. un abbraccio commosso a se stessi.

Di quei tornando a casa con la pelle gravida delle tue impronte.

Ti amo perché non faccio fatica ad amarti.
Perché amandoti sono più Bella.
E Forte.
E Libera.
E Viva & Tua.

Tornando a casa, con te dentro agli occhi.
E se li chiudo, ci sei ancor di più.

Grazie
…perchè illumini di Luce i miei percorsi,
perché versi vino caldo e dolce
quando non ho più parole
e ho la bocca secca.
Ti dedico i miei voli interplanetari,
ma spezzami le ali
e chiudimi la bocca
se mai sarò scontata
se mai sarò altro.

Quel che in amore non va mai perso é un poco di paura di perdersi.
Solo così quell’amore lo curi e nutri.
E solo così te lo godi per davvero.

Blog su WordPress.com.

Su ↑