C’è poco da fare. La civiltà di un paese si misura da come stanno i più fragili.
Da come stanno i bambini, gli anziani, i diversamente abili. Da come si sta nelle periferie, negli ospedali e, sì, pure nelle carceri.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: