Perché stupirsi dei frequenti riferimenti del potere a Marie santissime vergini?
La Vergine, i santi, i simboli sacri e la religione in genere sono da sempre usate dalle mafie per avere consenso.
Basta pensare ai funerali di mafiosi, alle processioni che inchinano la statua della “santa” davanti la casa dei boss, alle cappelle votive scoperte nei covi dei latitanti, o alla “punciuta” (il rito d’iniziazione a cosa nostra: l’affiliato giura fedeltà imbrattando col proprio sangue un’immaginetta sacra, un santino)
La formula del giuramento della “punciuta” e l’elenco degli “obblighi” recitati al nuovo affiliato per esempio ricordano in qualche modo i 10 comandamenti:
“Non desiderare la donna di altri uomini d’onore; non rubare agli altri affiliati; non uccidere altri uomini d’onore, salvo assoluta necessità…”
Si “piegano” cioè le pratiche e le prescrizioni religiose a strumento per i loro fini e interessi.
E allora i “comandamenti” valgono solo per gli amici e gli “amici degli amici”.
Un po’ come quando “ama il prossimo tuo” diventa ama quello che è “prossimo” a te, nel senso di “vicino”, ché quello oltre il mediterraneo, quello tra la fame e la guerra, sticazzi!

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: