Dù orate e passa a pinsarici e poi finalmenti i me occhi misiro a foco quello che c’è sempre darrè un augurio di stupro:
l’omu chi l’augura teni sempre in mezzo li gambe un cannolicchiu accussì nicu e minuscolo chi fa veniri a pena.

Anna Camilleri Salvaje

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: