E dopo aver tanto provato, sperimentato, trasgredito..scopri d’un tratto che la felicità stava tutta lì, in un letto fatto d’amore e sorrisi

Qualunque sia il discorso che è dietro un “È lei che gli ha aperto le gambe”, si percepisce sempre l’astio e l’invidia.
Io ve lo dico, amici.

Qualunque sia il discorso che è dietro un “È lei che gli ha aperto le gambe”, si percepisce sempre l’astio e l’invidia
Io ve lo dico, amici.

Di quando affronti l’ignoto e ti accorgi che non era poi cosi terrificante.

La solidarietà femminile di default per me non ha senso.
È come essere solidale con quelli con gli occhi azzurri o quelli coi capelli neri.

Che stress Dr Jekyll e Mr Hyde!
Ma pure l’amante sfrenata fino a stamattina e ora mamma assennata che prepara lasagne non scherza, amici.

In tram, con lui che finge di non conoscermi e mi appoggia il pacco sul culo.
L’unico caso che Andrea ha il “cazzo morto”, amici.

– Non capisci un cazzo!
– Veramente diversi saprei disegnarteli a memoria.

-Comunque i tweet senza menzione denigratori sono una forma di viltà
-NON PUOI SCRIVERE QUESTO TUIT PERCHÉ NON MENZIONI ED È SCORRETTO
-Ah.

Di quei tornando a casa con te che mi rimani dentro agli occhi,
nel cuore, fra le cosce e nel midollo.

Teneteveli voi i 280 caratteri, che io mi tengo i suoi 22 centimetri.

Tre cose non possono essere nascoste a lungo: il sole, la luna e la verità.
Ma pure le figure di merda non scherzano.

Anna Buddha Salvaje

Abbiamo tutti le ali.
Ma alcuni sono come i pinguini, che sanno che la loro struttura alare non è adatta al volo e quindi niente.

La tristezza di chi giudica severamente gli amori “insoliti”.
Perché neppure per un solo istante avrà mai provato quel che provo io per te

È che alla fine non ci rammaricheremo per quella casa, auto, barca non avute
Ma di tutte le risate non fatte e di non avere amato abbastanza

Certe volte sono tentata di cancellarmi da Twitter.
Ma poi mi ricordo che sono stitica e quindi niente, amici.

Non ricordo quando ho iniziato ad amarti.
Se accade in un attimo o gradualmente.
So solo che quando me ne accorsi ti amavo già da un po’.

Si stava meglio ieri, a scambiarci il respiro mentre andavo su e giù.

Parole, discorsi, ragionamenti.
È così che si comunica: lo facciamo tutti.

Ma scambiarsi un’emozione… quello sì che è raro.

Non è l’indipendentismo.
È che un popolo consapevole non lo fermi.

Il pilastro della famiglia non è la donna, ma l’amore e il rispetto.
Non credete alle cagate, amiche.

Blog su WordPress.com.

Su ↑