Della gioia di dormirti accanto,
del calore di te
nell’aria e nel letto,
allungare la mano e trovarti.
E poi amarti
fino a quando fa giorno.

Che una sola goccia non conta e non è importante, ditelo a quella che fa traboccare il vaso.

L’amore è scintilla.
Per questo lo si scorge solo se ci si accosta al buio.
Senza lampi di passato o bagliori di futuro.

Si costruiscono le case, non gli amori.
Ché l’amore è spontaneità.

Mi manchi come se non ti avessi mai avuto o come se fossimo stati sempre insieme e d’improvviso t’avessero strappato a me.

– Prontuario sul Consenso –
Lei dice No=è NO
dice Basta=è NO
si divincola=è NO
ti respinge=è NO
è ubriaca/drogata/svenuta=è NO
dice Sì= è SÌ

La meraviglia di un amore è nella sua intensità e potenza, non nella durata.
Ché un amore tiepido a lunga conservazione è solo sopravvivenza

Una grande passione ti cambia.
Inevitabilmente.
Perché il potente uragano muta sempre la spiaggia.

Inseguiteli voi i “ma avrà un futuro questo amore?”
Ché io preferisco fermarmi e annusare foschie invernali o vivide estati
E bearmi di lui.

È vero che qui manca la voce, i gesti, lo sguardo.
Ma quando si scrive rosicando si capisce. Uh se si capisce!

Mi ha telefonato la Notte.
Dice che troppo spesso ci dimentichiamo che lei è fatta per amare.

Come un sogno bellissimo che la mattina dopo ti lascia dentro un’emozione che ti porti in giro
Così ogni volta ti vivo
E poi ti porto con me

A trascinare un amore ormai stanco ci si consuma e logora.
E si mortifica pure il bello che è stato.

L’amore si sente.
E a un “Lo sai che ti amo?” la risposta più bella è proprio “Lo sento, Ti sento”.

Quanto scontate e prevedibili le azioni mosse da astio e da risentimento.
Ché solo la gioia e l’amore generano slanci di luce sorprendenti.

Amminchiatevi per un amore, pazzo e che vi toglie il fiato, non per le cagate.

Buonanotte amici.

Ad avvelenarci non sono quasi mai gli altri.
Ma l’astio, il risentimento, l’invidia che scegliamo di covare.

Dite a chi manca che vi manca: le persone buone si stancano, la vera donna nn è volgare e la pelle nn dimentica. Cazzo lunedì

[5 tuit in 1]

Non è che chiamandola ironia qualunque modalità diventa tale.
Cioè.. possiamo chiamare la merda con un altro nome, ma sempre merda rimane

E comunque attenti: che dalla simbiosi al parassitismo è un attimo!

L’amore non ci trasforma.
Ci innamoriamo tutti, certo. Il generoso come l’egoista e l’arido
Ma il “come amiamo” sarà inevitabilmente noi.

Mi ha telefonato Enrico Berlinguer, ma non ho capito quel che diceva perché parlava piangendo

L’amore è ascolto: scoprire e accogliere l’altro.
Invece vogliamo cambiarlo e renderlo uguale a quel che vorremmo, ma che è estraneo da lui.

Comunque lo spessore delle persone alla fine viene fuori.
Ché la carta non è tutta uguale.
E c’è chi è pergamena e chi carta igienica.

Fateli voi i cagnolini, ché a esser cagna sciolta io ci provo più gusto.

Blog su WordPress.com.

Su ↑