Quando devi solo ringraziare te stessa e nessun dio.
È allora che un po’ ce l’hai fatta.

Non si educa con regole e disposizioni.
Si educa dando l’esempio.

Peggio del maschilismo solo il donnismo, perché è più subdolo.

A rimanere attaccati a una storia ormai finita ci si inaridisce e prosciuga, come rami secchi.
È dai tagli che si rinasce.

Pensare di combattere il fascismo con un ddl è come la lotta antimafia fatta solo con riti di commemorazione negli anniversari delle stragi.

Il fascismo che nessuna legge potrà mai debellare è quello che abbiamo dentro noi.

Dietro ogni donna felice c’è sempre un uomo.
Che la scopa perbene a 90.

C’è una cosa che accomuna tutti i regimi, di qualsiasi colore siano:
tutti prevedono i reati di opinione.

Avvelenatevi voi con le rinunce, che noi ci nutriamo col miele e ambrosia delle voglie.

Tenetevi stretti chi vi pare, ma non me per piacere. Grazie.

Belli i vestiti firmati e le auto lussuose.
Ma svegliarsi al mattino e pensare all’amore è bello di più.

Aiutateci a casa nostra.
Cerchiamo una coppia con lei bisex e lui contemplativo.

Comunque il mio uomo ideale ha una laurea di 22 centimetri.

No. Le persone non cambiano d’improvviso.
D’improvviso accade che buttano la maschera e si rivelano.

Mi sono seduta dalla parte del torto perché c’era poca luce, non si leggeva bene e avevo letto “porco”.

Ogni mattina in italia uno pseudo-leone si sveglia e prende la tastiera.

Chi ha detto che le ombre adombrano?
Io non ne ho viste mai di così Luminose!

Guardare tua figlia che cresce felice e sicura ti riempie di gioia.
Ma saperla e vederla innamorata è un inno alla vita.

Ma quanto è bello, dopo aver pensato che i giochi erano fatti, rimettersi a giocare?

È la voce sfrontata?
O la spudoratezza di quel che dici?
O il fatto che lo dici e fai
nell’attimo in cui lo voglio io?

E non mi basti mai.

Il sesso ha mille linguaggi, non uno che va bene per tutti.
La magia è trovare chi parla e comprende il tuo.
O inventarne insieme uno nuovo.

Quando rinunciamo alla felicità per mancanza di coraggio ricordiamoci che l’abbiamo voluto noi.
Altrimenti poi ci vendichiamo sugli altri.

“Anna, che cosa stai facendo?”, mi scrivi.

[Ti sto amando. Come sempre.
Non lo sai?]

Fatevelo prevedere voi il futuro, che io preferisco inventarmelo.

Blog su WordPress.com.

Su ↑